Proteggere i bambini dal porno: una nuova campagna con restrizioni più severe

Un’organizzazione no profit cristiana che cerca di abolire il traffico internet sessuale, ha lanciato una nuova campagna sostenuta da oltre 40.000 sostenitori che esortano i leader del governo a richiedere alle piattaforme pornografiche di installare metodi di verifica dell’età, più efficaci, per prevenire i pericoli dell’esposizione al porno nella prima infanzia.

Exodus Cry, un’organizzazione che ha sostenuto lo sfruttamento sessuale negli ultimi 10 anni e ha lavorato per esporre i legami tra porno e traffico sessuale, ha appena lanciato la nuova campagna Protect Children Not Porn .

Una petizione online  associata alla campagna è supportata da oltre 43.000 persone e si rivolge a comitati del Congresso, presidente Joe Biden e dirigenti di Big Tech.

La campagna è supportata anche da 100 organizzazioni anti-tratta, per i diritti delle donne e per la protezione dell’infanzia, una coalizione che rappresenta oltre 2.000 organizzazioni.

La petizione chiede che i legislatori approvino una legislazione che richieda l’adozione di adeguate garanzie per proteggere i bambini dall’esposizione al porno.

Tali misure includono la richiesta ai siti Web che ospitano contenuti pornografici di richiedere “ai visitatori del loro sito di verificare la loro età con un documento d’identità rilasciato dal governo, convalidato da una piattaforma di terze parti”.

Inoltre, la petizione chiede che tutti i dispositivi che accedono a Internet siano venduti con filtri di sicurezza abilitati.

Il fondatore e CEO di Exodus Cry Benjamin Nolot ha dichiarato a The Christian Post che almeno uno studio suggerisce che i  bambini e gli adolescenti di età compresa tra 10 e 15 anni, hanno cinque volte più probabilità di mostrare comportamenti sessualmente aggressivi se si consuma materiale pornografico violento.

Inoltre, un altro studio ha indicato che  i bambini con dipendenza dal porno hanno una maggiore probabilità di commettere molestie sessuali e stupri . Nel frattempo, le ragazze esposte al porno corrono un rischio maggiore di vittimizzazione sessuale.

“L’esposizione dell’infanzia al porno è un problema enorme e molto dannoso nel nostro mondo, e la distribuzione del porno è così dilagante che entra nella vita dei nostri figli e interrompe il loro sviluppo sessuale”, ha detto Nolot, che ha dedicato gli ultimi 14 anni lavorando per sradicare lo sfruttamento sessuale.

“Quando i bambini guardano il porno, la loro sessualità si forma attorno a contenuti sessuali molto spesso violenti e aggressivi. Associano queste immagini a un’eccitazione intensa e sono costretti ad agire in modi sessualmente aggressivi e questo di per sé è allarmante perché si risvegliano prematuramente nella loro sessualità”.

 

Leggi di più:  Alan sopravvissuto al disastro aereo della Chapecoense, torna in campo