Regali da una principessa: la missione di consegnare milioni di regali di Natale ai soldati in prima linea nel 1914

“Voglio che tutti voi ora mi aiutiate a inviare un regalo di Natale dall’intera nazione a ogni marinaio a galla e a ogni soldato al fronte… Per favore, mi aiuterete?” Sua Altezza Reale la Principessa Mary, 15 ottobre 1914

“Questo è un regalo adorabile e lo mando a casa affinché tu lo tenga al sicuro, perché non me ne separerei per niente al mondo.” Autista W Powell, Army Service Corps, febbraio 1915

Chiunque abbia un interesse passeggero per la prima guerra mondiale avrà sentito parlare della ” latta Princess Mary ” – un regalo di una principessa di 17 anni per i marinai che combattevano mari impetuosi e i soldati impantanati nelle trincee invernali nel 1914. Tra lo sfondo del tregue non ufficiali che si sono su e giù per la linea il giorno di Natale del 1914, questo semplice dono ha assunto proporzioni quasi mitiche. È un potente simbolo di un momento di pace in una guerra sempre più profonda.

Dall’India al Canada, dall’Australia al Regno Unito, queste piccole scatole in ottone con il profilo della giovane principessa si possono trovare nei cassetti e negli armadi di tutto il mondo. Alcuni contengono ricordi e ricordi di guerra che sono stati custoditi per oltre 100 anni.

La scatola di Mohammed Babavali è un’orgogliosa eredità che trasmette ai suoi figli. Il barattolo, assegnato al suo bisnonno per il suo servizio nei Flanders Fields , è stato uno dei pochi cimeli di famiglia salvati da suo padre dopo che un ciclone ha colpito il loro villaggio nell’India occidentale nel 1977. Sebbene il barattolo sia vuoto, per Babavali è ” pieno di ricordi”.

Leggi di più:  Restiamo in Contatto

Questa è una reazione comune. Eppure troppo spesso questi ricordi sono sbiaditi, diventando storie confuse alla fine di ricerche su Internet ancora più confuse. La verità dietro questa campagna di beneficenza senza precedenti ed estremamente costosa non è mai stata completamente raccontata. Finora.

“La prima principessa moderna”

Quando il mondo era in preda alla “Grande Guerra” del 1914, la Principessa Mary aveva solo 17 anni. L’unica figlia del re Giorgio V e della regina Mary, era brillante, ben istruita e capace di farcela tra i suoi fratelli. Ma Mary non era tipo da giocare sul suo contegno fresco e naturale. Senza tempo per le formalità soffocanti, la principessa si dedicò al lavoro di guerra e alla fine si interessò a fare un regalo di Natale a tutti coloro che combattevano.

La recente biografia  di Mary di Elisabeth Basford (la prima dopo un secolo) ha gettato nuova luce su questa giovane donna reticente, timida ma devota. Basford l’ha rinominata come la “prima principessa moderna”

Questa straordinaria storia è iniziata con un semplice appello alla nazione. Il 16 ottobre 1914 la stampa annunciò un’idea racchiusa in una semplice lettera: una lettera piena di genuino pathos; una lettera scritta dalla giovane principessa stessa. In esso, con sentimento giovanile, la principessa Maria annunciava il suo regalo di Natale per tutti quei marinai e soldati che prestavano servizio nei teatri di guerra. Lei scrisse:

Per molte settimane siamo stati tutti molto preoccupati per il benessere dei marinai e dei soldati che stanno combattendo così valorosamente battaglie per mare e per terra… Voglio che tutti voi ora mi aiutiate a inviare un regalo di Natale dall’intera nazione a ogni marinaio a galla e primo soldato al fronte…. Potrebbe esserci qualcosa di più probabile che li rincuori nella loro lotta di un regalo ricevuto direttamente da casa il giorno di Natale?