Santa Rita : sentire vicino Dio nelle avversità e portarlo a tutti

Santa Rita da Cascia nasce presumibilmente nell’anno 1381 a Roccaporena, con il nome di Margherita Lotti.All’età di circa 13 anni i genitori la promettono in sposa a Ferdinando Mancini, con il quale si sposa a circa 17-18 anni.Nonostante la nascita di  due gemelli maschi, il marito violento la sottopone a ogni tipo di maltrattamento che lei sopporta con pazienza. Perseverando con la sua dolcezza, Rita riesce nel tempo a calmarne le intemperanze. Il marito muore assassinato  e nonostante Rita perdoni gli assassini, i figli meditano la vendetta. Si narra che Rita preghi Dio di farli morire piuttosto che permettere questo peccato, e così avviene. Muoiono prematuramente, forse di peste, a meno di un anno dalla morte del marito.Ormai libera da vincoli familiari, Rita chiede di essere accolta nel monastero delle monache agostiniane, ma viene respinta per tre volte perché vedova di un uomo assassinato. Rita  vive per 40 anni nel monastero in preghiera e in penitenza, sino a ricevere sulla fronte una dolorosa “spina” della corona di Gesù che porta per quindici anni . Muore il 22 maggio 1447.

Carissimi fratelli in Cristo , oggi incontriamo lungo il nostro cammino quaresimale una donna esemplare : Santa Rita . Lei ha saputo affrontare le difficoltà della vita con grande coraggio , quel coraggio che oggi deve contraddistinguere anche noi cristiani odierni . Nelle difficoltà di ogni giorno , siamo abituati a lamentarci spesso e tale atteggiamento caratterizza coloro che non hanno conosciuto l’Amore di Dio . Per noi che professiamo la nostra fede nel Cristo ,  la nostra “stella polare” nelle avversità è la S.S. Trinità . Lei ci dona la forza per affrontare tutto e tutti, poiché come afferma il salmo :”Se dovessi camminare in una valle oscura,non temerei alcun male, perché tu sei con me.” Il Signore non ci abbandona mai , neanche quando siamo noi ad abbondonarlo , perciò per il cristiano non esiste la solitudine e l’abbandono . La piaga della solitudine, nel mondo di oggi purtroppo è molto diffusa , anche se viviamo nel “mondo della comunicazione” ci sono tanti nostri fratelli che vivono situazioni difficili da soli . Vi confido una cosa , ogni qual volta che prego , chiedo al Signore di mandarmi da loro affinché possano sentire me vicino a loro , e attraverso me possano sentire il calore dell’Amore di Dio che gli abbraccia , gli stinge e gli bacia. Quante “Santa Rita” oggi vivono momenti di difficoltà in situazioni complicate , oggi noi , gli vogliamo mettere tutti sul Cuore di Gesù affinché siano fortificati dalla forza dello Spirito Santo . Un ulteriore aspetto meraviglioso di questa santa è la preghiera per la conversione  dei propri cari. Ogni giorno dobbiamo affidare al Signore la nostra vita e insieme alla nostra vita tutti coloro che ci stanno a cuore , specialmente tutti i nostri parenti che non hanno conosciuto l’Amore di Dio . Dio ci manda nella nostra famiglia per salvare anime e questa è una missione fondamentale per essere santi . Portare tutti a Dio e Dio a tutti è quello che ha fatto Santa Rita e che Dio oggi ci sta chiedendo attraverso questa santa . Se lo faremo saremo Luce dovunque Dio ci manderà per essere Suo Riflesso , sua presenza per i nostri amici  , suoi tabernacoli per le strade del mondo . Facci essere missionari dovunque ci mandi Signore ….

Francesco Pio Petrachi 

Per entrare meglio nel mistero : vi consiglio di ascoltare questa meravigliosa canzone :https://youtu.be/236HEWw7lUw