Una casa di guarigione per i cristiani in fuga dall’Iran

Foto di klimkin da Pixabay

Quattro muri, un soffitto, tanta polvere e materiale da costruzione: ecco come si presenta il nuovissimo centro comunitario per i rifugiati cristiani iraniani in Turchia.

Kouroush*, l’iniziatore e la forza trainante della costruzione, è lui stesso un rifugiato iraniano. Crede che i convertiti in fuga dalla feroce persecuzione e dalla prigionia nella loro patria abbiano bisogno di uno spazio sicuro per guarire. Questa è la sua visione per l’edificio, con sede in una delle più grandi città della Turchia.

Kourush è cresciuto in una famiglia musulmana in Iran. Il suo primo incontro con il cristianesimo è stato al liceo, anche se all’epoca si era risentito con il suo amico per l’introduzione. Anni dopo, da adulto, visitò una chiesa  su invito dello stesso amico, ed è qui che iniziò il suo cammino di cristiano.

Kourush è diventato un leader di una chiesa domestica, ma questo ha avuto un prezzo: è stato arrestato e torturato. Kouroush si dice ancora stupito per l’ingiustizia che ha vissuto in carcere: “Non avevo commesso alcun crimine per meritarmi questo. Non ho ucciso nessuno, non ho rubato nulla. Tutto quello che ho fatto è stato consegnare il mio cuore a Gesù .

Il tempo trascorso in prigione, tuttavia, non lo ha spaventato e né lo ha scoraggiato, e dopo il suo rilascioha continuato il suo ministero. Quindi, i servizi segreti lo hanno rintracciato di nuovo. Kouroush non vedeva altra scelta che lasciare il suo amato paese e cercare una nuova casa in Turchia.

I convertiti di origine musulmana costituiscono il gruppo più numeroso di cristiani in Iran. Secondo i ricercatori di Open Doors, lo scorso anno almeno 1.000 cristiani sono stati costretti a lasciare il Paese per motivi di fede. Sono soprattutto i leader dei gruppi cristiani convertiti ad essere arrestati, perseguiti e condannati a lunghe pene detentive per presunti “crimini contro la sicurezza nazionale”. L’anno scorso, il team di ricerca di Open Doors ha registrato 110 casi di cristiani detenuti per attività legate alla fede e 44 casi di cristiani condannati al carcere.

Kouroush ricorda i primi momenti dopo il suo arrivo in Turchia: “Era una specie di paura, mista a tristezza e confusione sul motivo per cui ero qui. Ho perso tutto: il mio lavoro, la mia famiglia, il mio paese”.

Si è reso conto che lui, e i cristiani iraniani convertiti come lui, avevano bisogno di un posto sicuro, un posto dove sentirsi di nuovo a casa e parlare con persone che parlano la sua stessa lingua, un posto dove condividere la sua storia e leggere la Bibbia in pace.

“Non sono l’unico”, dice Kouroush. “Trovare un posto del genere è una delle sfide più grandi per qualsiasi rifugiato iraniano”.

Con l’aiuto di Open Doors, Kouroush ha iniziato a creare uno spazio sicuro per sé e per gli altri. Nel nuovo centro comunitario ci sarà spazio per i bisogni spirituali: una biblioteca ricca di libri cristiani nella sua lingua madre, un’aula per i corsi di discepolato. Il centro ospiterà anche una caffetteria dove le persone potranno ricevere consulenza biblica davanti a una tazza di tè iraniano. Dal centro avverrà anche la distribuzione di generi di prima necessità ai cristiani.

Mentre i costruttori sono ancora impegnati nell’installazione di bagni e nella costruzione di muri, Kouroush sta già contando i giorni fino all’apertura del centro: “Non vedo l’ora di vedere cosa farà Dio qui”.

Leggi di più:  I cristiani maroniti,160 anni fa furono massacrati dall'Impero Ottomano