Un’infermiera si pente di aver effettuato aborti. Nulla è impossibile a Dio!

Un’infermiera si pente di aver effettuato aborti. Nulla è impossibile a Dio!

Grazie all’ascolto della voce di Dio, un’infermiera si pente dell’aborto

María Martínez Gómez ha 45 anni, un tempo era un anticlericale accanita: pro – aborto, pro- divorzio ed inoltre lavorava come infermiera in una clinica abortista di Bilbao in Spagna.

Nonostante fosse stata battezzata e proveniva da una famiglia cattolica, la Chiesa era la sua nemica fino a quando non arriva una grande conversione in Nepal, prima infatti si chiamava Amaya ora Maria.

“Le mani che vedete qui tempo fa erano macchiate del sangue di innocenti. Ho lavorato in una clinica abortista per vari anni praticando aborti come infermiera” racconta.

Le hanno chiesto come mai è tornata in Occidente e fa conferenze sulla vita, la donna ha risposto così: “Perché oggi sono chiamata a parlare della misericordia come ultima àncora di salvezza o speranza per i più peccatori tra i peccatori. La misericordia di Cristo è la bontà suprema che tutti noi possiamo accogliere”.

In una delle sue conferenze che ha tenuto a San Sebastian ha parlato in cosa consiste la pratica dell’aborto e in cosa consisteva il suo lavoro: “Il mio lavoro consisteva nel far sì che le donne che abortivano non creassero problemi (…). Ogni 15 minuti passava una donna”. “Le isolavamo perché non ci fosse pentimento o marcia indietro. Una volta praticato l’aborto, molte donne entrano in shock e credono che non sia ancora avvenuto. Arriva il pentimento e vogliono tornare a casa, ma ormai è troppo tardi”.

Il ruolo di María consisteva nel tranquillizzarle e congedarle. “Era tutto per denaro, un affare”.

“Il mio cuore era sufficientemente indurito da non sentire, e la mia coscienza era addormentata”. Perché lo faceva? “Credevo di fare la cosa giusta e che la donna che abortiva avesse diritto a una vita tranquilla e senza problemi”. Dal canto suo, “volevo pagare la mia ipoteca, comprarmi una macchina, andare in vacanza…”.

La donna pur di non stare a sentire la sua coscienza che gridava e si ribellava a tutto ciò, si autoconvinceva che quei feti abortiti erano soltanto coaguli di sangue.

Ma è difficile ingannare la coscienza, infatti esteticamente il suo corpo ne risentiva e iniziava a perdere i capelli.

Maria era sposata, si era recata a Barcellona per studiare fisioterapia. Una volta di ritorno a Bilboa, ha aperto uno studio che le faceva guadagnare tanto denaro; i suoi clienti erano commercialisti, calciatori e personaggi illustri della città.

Maria racconta: “Sfoggiavo gioielli, borse da mille euro, organizzavo serate con una bottiglia di champagne da 150 euro dopo l’altra…”

“Non mi importava di niente, solo della mia carriera, e credevo di avere tutto”, ricorda. Poi ha iniziato a praticare sport di alta montagna. Come ha confessato, “cercavo il limite della sofferenza e della vita e della morte”.

Poi un giorno si reca sulle Alpi, sul Kilimanjaro, in Nepal… “Mio marito ed io facevamo invidia a tutti, eravamo la coppia perfetta”.

L’11 gennaio 2017, suo marito le dice che voleva lasciarla, le crolla il mondo addosso ed ecco il primo tentativo di suicidio.

L’8 maggio dello stesso anno, la chiamano dal Nepal per chiedere il suo aiuto in quanto si era verificato un terremoto di 7,3 gradi e cercavano gente preparata, così, Maria si reca in Nepal e lì avviene la sua conversione.