La storia di don Davide Banzato raccontata in un libro autobiografico “Tutto, ma prete mai”

Il nuovo libro di don Davide Banzato (edizioni Piemme) in cui racconta il suo vissuto prima di incontrare la Comunità Nuovi Orizzonti fondata da Chiara Amirante.

“Tutto, ma prete mai” edizioni Piemme è il nuovo libro autobiografico di don Davide Banzato, attraverso il quale, il giovane prete racconta il suo vissuto prima di incontrare la comunità fondata da Chiara Amirante “Nuovi Orizzonti”, un vissuto fatto di una fuga dal seminario, l’amore per un’amica e poi l’incontro con Dio.

Il sacerdozio per don Davide non è stato in discesa ma ha incontrato più di una salita. La prima volta che ha percepito nella sua vita una forte presenza del Signore è stata dopo la sua Cresima, ma già da quando aveva fatto ingresso nel seminario minore aveva incontrato i suoi primi ostacoli. Tutto questo don Davide lo racconta nel suo libro autobiografico.

“Tutto, ma prete mai” è la frase che don Davide spesso ripeteva a se stesso, soprattutto nel periodo in cui era chiamato a capire qual era la strada tracciata da Dio: se ad un impegno dedicato con i più deboli o una scelta spirituale.

Poi arriva anche la conoscenza e i sentimenti verso una sua cara amica che per un attimo gli fanno venire alla mente la possibilità ad aprirsi ad una vita di coppia presso una comunità missionaria, ma subito dopo riprende il buio e il deserto interiore nella sua anima.

Nonostante don Davide cerca di ignorare questa forte chiamata alla vita consacrata, poi fa un incontro provvidenziale quello con la Comunità Nuovi Orizzonti di Chiara Amirante.

Leggi di più:  Nuovo dPCM: Messe di nuovo a rischio? Cosa succederà?

Inizia a scrivere delle lettere indirizzate a questa donna (Chiara Amirante) dal sorriso contagioso, lettere la cui corrispondenza, lo incoraggia a seguire la chiamata, tra le varie lettere ve ne una datata 30 maggio 1996: “Carissimo Davide, sono stata molto contenta di ricevere di nuovo tue notizie. Riguardo alla tua proposta di venire a trascorrere un periodo in comunità: se sono d’accordo sia il tuo padre spirituale che i tuoi genitori, sei BENVENUTISSIMO!!!”. 

E’ da tantissimi anni che don Davide segue i cosiddetti ragazzi “difficili”, lui che è stato un ragazzo irrequieto e ribelle, dona il suo aiuto a chi lo è ancora. La sua storia è un incoraggiamento per tanti giovani che fanno resistenza alla chiamata vocazionale e non si lasciano cullare tra le braccia del Signore che invece ci ha creati e ci vuole felici e quindi non ci costringe a fare nulla ma a seguirlo liberamente per trasmettere a tutti gli altri, il suo amore, come oggi fa don Davide.

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna