“La testardaggine di una madre porta a termine la gravidanza”

Vincenza Sabatelli

“La testardaggine di una madre che si è fidata di Dio portando a termine la gravidanza”

Questa è la storia di una mamma, una donna “testarda” ma in questo caso la sua testardaggine è stata la salvezza di sua figlia e come le profetizzò un sacerdote “La tua testardaggine un giorno ti salverà”, e in effetti Vincenza Sabatelli che vive con la sua famiglia a Rimini, è andata contro il volere dei medici e non ha abortito sua figlia ma fino alla fine si è aggrappata alla preghiera, e oggi la sua secondogenita Miriana ha 8 anni.

Vincenza sposa Dario il 25 maggio 2007, da questa unione, 9 mesi dopo, nasce la piccola Matilde, una bambina abbastanza vivace. Dopo la nascita della loro primogenita, Dario desiderava regalare a Matilde un fratellino o una sorellina.

Proprio per la vivacità della piccola, inizialmente Vincenza era molto spaventata dalla proposta del marito e voleva aspettare un po’ di tempo …. ma il marito insistette e così anche Vincenza accettò questa nuova avventura.

Una gravidanza difficile

La seconda gravidanza di Vincenza fu molto difficile, aveva dei dolori addominali e dei giramenti di testa, così si recò in ospedale (ancora Vincenza non sapeva di essere incinta) e all’ospedale pensarono facendo dei controlli che fosse un grosso grumolo di sangue ma sotto richiesta di Vincenza le fecero prima un’ecografia dove risultò essere incinta.

A questa notizia, Dario e Vincenza esultarono di gioia, una gioia che purtroppo durò molto poco proprio perché il medico da subito riscontrò dei grossi problemi.

Vincenza aveva un utero con delle grosse cisti ovariche ed oltre alla piccola camera gestazionale, nell’ecografia si vedeva un grosso grumolo di sangue che doveva essere espulso.

Leggi di più:  Aborto: il falso mito della libertà delle donne

A quel punto i medici profetizzarono, un aborto spontaneo nei primi tre mesi di gravidanza. Addirittura le dissero che forse non avrebbe completato nemmeno i tre mesi, senza darle nessuna speranza la dimisero dall’ospedale e le consigliarono di “allettarsi”.

Ma Vincenza non volle fermarsi a quanto le dissero i medici e cominciò a consultare vari primari ed ambulatori in Puglia, ma tutti le consigliavano di “abortire”.

Solo un medico obiettore di coscienza, tra i vari consulti di quei mesi la incoraggiò ad andare avanti con la gravidanza.

La sentenza dei medici era sempre negativa, addirittura dissero a Vincenza che se non avesse abortito avrebbe partorito una bimba morta o comunque sia sarebbe andata incontro ad un aborto spontaneo.

Il primario, ostinato della sua sentenza, le fissò così la data dell’aborto.

In quel periodo difficile, Dario e Vincenza oltre ad avere contro i medici, anche la famiglia, i parenti e i genitori, consigliavano loro di abortire.

Ma grazie a Dio, Vincenza e Dario hanno ascoltato il loro cuore, andando contro tutto e tutti, quindi decidono di proseguire con la gravidanza.

La forza della preghiera va contro l’aborto

Ciò che ha sostenuto Vincenza, in tutti quei mesi di prova è stata la fede, e questa seconda gravidanza ha fatto sì che Vincenza si avvicinasse ancora di più alla preghiera.

Tante preghiere accompagnate da un pianto sincero hanno fatto compagnia a Vincenza in quei mesi che le hanno permesso di fidarsi ancora di più di Dio.

Arriva il giorno in cui il primario aveva fissato l’aborto, Vincenza e Dario si recano in clinica, entrano silenziosamente in un bar ma in quel loro silenzio c’era una grande unione di cuori.

Leggi di più:  3 Minuti di Catechismo - 25 Quali sono le Cadute dell’uomo e il Peccato Originale?

Vincenza con atteggiamento deciso si reca nella stanza del primario, quest’ultimo era convinto di dover effettuare l’aborto ma con grande stupore Vincenza comunica al medico di essere decisa a proseguire con la gravidanza.

A quel punto il ginecologo, ancora una volta tenta di convincere Vincenza dicendo che stava prendendo scelta sbagliata perché prima o poi sarebbe andata incontro a delle sofferenze e ad una grande delusione in quanto ancora una volta le profetizzò che quella bambina non ce l’avrebbe fatta comunque.

I mesi successivi furono presieduti da grande preghiera e fiducia in Dio.