L’Anpi per il 25 aprile vuole celebrare la libertà, e la Messa no?

Foto di Serghei Topor da Pixabay

L’Associazione nazionale partigiani ha preso una dura posizione nei confronti del Governo che per evitare assembramenti il 25 aprile, ha sospeso le celebrazioni ufficiali della Festa della liberazione.

L’Anpi chiede al Governo di cambiare questa norma e sottolinea che in ogni caso l’associazione parteciperà alle celebrazioni.

Ecco nello specifico uno stralcio di cosa denuncia l’Anpi: “La presidenza e la segreteria Anpi nazionali esprimono incredulità e rammarico di fronte a un atto indifferenza e scortesia del governo Conte, che mai si sarebbero aspettati. Si tratta di questo: nella giornata del 25 aprile p.v., al mattino, in moltissime città e paesi italiani sono previste celebrazioni con la deposizione di un fiore o di una corona al monumento o altro luogo significativo della Resistenza locale. Ebbene, quest’anno sarà impedito al rappresentante dell’Anpi o di altra organizzazione partigiana o resistenziale, di deporre quel fiore. Potranno farlo soltanto i signori Prefetto e Questore e, ma non è ancora chiaro, il Sindaco. Tutto ciò è semplicemente inaccettabile”.

Concludono dicendo: Rifiuteremo sempre ogni tentativo di negare il valore della Resistenza e non accetteremo mai di essere esclusi dalle celebrazioni del 25 aprile. Chiediamo al governo di cambiare una norma irrilevante sul piano della sicurezza, inutilmente divisiva, ingiusta e offensiva verso i partigiani, verso il nostro popolo, verso l’Italia – conclude la nota – In ogni caso invitiamo i locali presidenti dell’Anpi o loro rappresentanti, nella misura di una sola persona, a partecipare alle celebrazioni del 25 aprile”.

twitter

Questo invece è il twitter di Andrea Lonardo, deputato del Pd.

Dunque se i partigiani protestano perchè vogliono celebrare il sacrificio che fecero a suo tempo altri partigiani, perchè i fedeli non possono partecipare, rispettando tutte le norme restrittive, alle celebrazioni che ricordano il sacrificio che Gesù ha fatto sulla Croce?

Leggi di più:  Gerry Scotti: "Provavo vergogna per il divorzio"