L’Argentina va verso la legalizzazione dell’aborto

Foto di Tawny van Breda da Pixabay

L’ultima volta il Senato argentino ha respinto una mossa per legalizzare l’aborto, ma ciò potrebbe cambiare con l’ultima legislazione, avanzata dal presidente.

L’Argentina potrebbe presto diventare il quarto paese dell’America Latina in cui l’aborto è legale dopo un voto nella Camera di venerdì.

Il disegno di legge, sostenuto dal presidente Alberto Fernández, andrà al Senato entro la fine del mese dopo essere passato da 131 voti a 117.

Secondo l’attuale legge argentina, l’aborto è consentito solo in situazioni di stupro o dove la vita della madre è in pericolo. 

La legislazione sta cercando di cambiare questa situazione rendendo l’aborto legale in tutte le circostanze fino alla 14 settimana. 

Un disegno di legge simile per depenalizzare l’aborto è stato respinto dal Senato nel 2018, ma a differenza di quella legislazione, questa ha il sostegno del presidente.

Il Papa, che viene dall’Argentina, il mese scorso ha ribadito la sua opposizione all’aborto in una lettera agli attivisti pro-vita nel Paese. 

Nella lettera, inviata a Mujeres de las Villas, una rete di donne che si batte per i diritti dei nascituri a Buenos Aires e dintorni, il Papa ha affermato che “il problema dell’aborto non è principalmente una questione di religione, ma di etica umana, in primo luogo e soprattutto di qualsiasi denominazione religiosa “.

“È bene porsi due domande: è giusto eliminare una vita umana per risolvere un problema? È giusto assumere un killer per risolvere un problema?” Ha aggiunto. 

Leggi di più:  Papa Francesco: dentro e oltre la Legge