Quasi 1.000 leader della Chiesa firmano una lettera che si oppone ai passaporti per i vaccini

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Circa 948 leader della Chiesa hanno aggiunto i loro nomi a una lettera aperta che si  oppone all’introduzione dei passaporti per i vaccini. 

La lettera, da inviare a Boris Johnson e ai primi ministri delle nazioni devolute, definisce l’introduzione dei passaporti per i vaccini “una delle proposte politiche più pericolose mai fatte nella storia della politica britannica”.

I leader della Chiesa avvertono di una “apartheid medica” e di una “società a due livelli” divise tra coloro che hanno avuto il vaccino e coloro che non l’hanno fatto. 

Sostengono che le persone dovrebbero essere libere di rifiutare il vaccino per motivi di coscienza e che ciò non dovrebbe escluderle dalla vita pubblica. 

Affermano inoltre che manterranno le porte della loro chiesa aperte a tutti, indipendentemente dal fatto che abbiano ricevuto il vaccino o meno.

I passaporti per i vaccini sono stati lanciati come un modo per aiutare i paesi ad allentare le restrizioni richiedendo la “prova” che le persone siano state vaccinate contro il Covid-19 prima di poter entrare in spazi pubblici come negozi, teatri, ristoranti e hotel.

Oltre 32 milioni di persone nel Regno Unito hanno ricevuto la prima dose del vaccino, mentre oltre 7 milioni hanno fatto entrambi le dosi. Il tracker di Airfinity prevede che il 75% della popolazione sarà completamente immunizzato entro la prima settimana di agosto. 

Con l’implementazione di successo del vaccino che ha portato i numeri dei casi nel Regno Unito a poche migliaia, i negozi di articoli “non essenziali” e i ristoranti all’aperto hanno riaperto questa settimana. 

Il governo ha espresso la sua disponibilità all’introduzione dei passaporti per i vaccini, affermando la scorsa settimana che “potrebbero svolgere un ruolo nel ridurre i requisiti di allontanamento sociale”. 

Un sondaggio del Times  ha trovato un forte sostegno pubblico, per i passaporti dei vaccini se ciò porterebbe alla fine delle distanze sociali, ma i leader della Chiesa stanno esortando il governo a non seguire questa strada. 

Esponendo la loro opposizione, affermano che “coloro che sono stati vaccinati hanno già ricevuto protezione”, rendendo superfluo il passaporto per i vaccini, ma sollevano anche serie preoccupazioni circa l’impatto sulla democrazia e sulla libertà individuale. 

I passaporti dei vaccini, dicono, “costituirebbero una forma non etica di coercizione e violazione del principio del consenso informato”. 

“Le persone possono avere varie ragioni per non essere in grado o non voler ricevere i vaccini attualmente disponibili, inclusi, per alcuni cristiani, gravi problemi di coscienza legati all’etica della produzione o dei test dei vaccini”, hanno detto.

“Rischiamo di creare una società a due livelli, un’apartheid medico in cui una sottoclasse di persone che rifiutano la vaccinazione è esclusa da aree significative della vita pubblica.”

Leggi di più:  Risposta al dubium: illecite le benedizioni alle coppie omosessuali