SAN GIOVANNI PAOLO II- Saluti di luce

SAN GIOVANNI PAOLO II° Saluti di luce

Era il Gennaio del 1979, quando la delegazione messicana era pronta ad accogliere  nella terra dei Gringo il Santo Padre Giovanni Paolo II.

Eppure in Vaticano non erano convinti che questo viaggio fosse cosa buona per il Papa, il Messico attraversava una fase politica anticristiana molto difficile, i preti, frati e le suore, venivano uccisi e spogliati dei loro abiti sacri, e derisi in pubblica piazza.

Eppure anche l’allora Segretario di stato, Cardinale Jean Marie Villot, cercò di dissuadere il Papa dal compiere questo viaggio pericolosissimo.

Ma Sua Eminenza evidentemente non conosceva bene il carattere dell’ex Arcivescovo di Cracovia, e in barba a tutto e a tutti, decise di partire, perché era proprio in quello stato di grande difficoltà che il Messico avrebbe avuto bisogno del Suo Pastore Massimo.

Giovanni Paolo II° non aveva paura di nulla, perché ogni cosa che faceva la metteva nelle mani della Madonna, e si lasciava completamente guidare da Lei, in virtù del Suo meraviglioso motto “ TOTUS TUUS “, Sono tutto Tuo.

Il Papa una volta giunto in Messico, visitò tre città, Città del Messico, Guadalupe in onore della Vergine e di San Juan Diego ( Veggente ).

Ma i Due milioni di messicani che lo attesero con gioia e trepidazione in piazza dell’Indipendenza quello storico

Leggi di più:  L'Isis minaccia " A Roma, sarà un Natale di sangue"