Giovanni Paolo II – Lituania Collina delle Croci

Giovanni Paolo II - Lituania Collina delle Croci

Ci vuole fede per capire certe cose, non basta solo andare di persona in questo luogo, serve avere n credo forte, e capire che Dio si fa vivo anche nei luoghi, apparentemente più desolati al mondo.

Il Papa sapeva che in quel luogo avrebbe avuto un vero contatto con Dio, non tanto per la presenza di tutte queste croci, ma perché quelle terre così lontane dal civiltà e dal mondo moderno, sono più vicine al Divino di quanto noi potremmo pensare.

La c’è il silenzio che nel mondo di oggi è impossibile trovare, e si trova ancora quella dimensione contemplativa, sempre cara ai santi di Gesù.

Questo era il clima di grande preghiera e d’immensa venerazione che questo luogo era pronto a donare al Vicario di Gesù Cristo in terra.

Un Papa santo che stava solcando quelle terre lontanissime dal chiasso del mondo, e in quelle terre il Papa trovò consolazione.

Perché ovunque l’uomo provi a praticare l’arte gloriosa del santissimo silenzio, la si trova anche Dio.

E quale luogo migliore per un Papa come San Giovanni Paolo II sarebbe stato più indicato per pregare e per meditare? Di certo la collina delle croci.

Andrea Pagnini

Leggi di più:  Giovanni Paolo II- Lo spirito di Assisi 27 Ottobre 1986