Maria di Magdala : vivere la Resurrezione nella vita

Dal vangelo secondo Giovanni
Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

Carissimi fratelli in Cristo resurrexit, sicut dixit, ALLELUIA ! (è risorto come aveva detto Alleluia!). Viviamo la gioia della Resurrezione del Signore Gesù , il nostro cuore è pieno  di gioia per la vittoria del nostro Dio sulla morte e la Chiesa intera canta la vittoria dell’Amore . Come testimone della Resurrezione oggi incontriamo Maria di Magdala , la prima testimone della Vittoria di Cristo sulla morte ! Lei dopo duemila anni ancora ci parla della Gioia di vedere quella pietra tolta dal sepolcro, ancora , attraverso questo Vangelo secondo Giovanni , ci testimonia lo stupore che aveva invaso la sua anima. Potremmo tranquillamente dire che quella pietra ha sconvolto la sua vita ! Lei che non aveva aspettato l’alba , sicuramente ansimante di riavere un contatto con il Maestro,  quella mattina è stata travolta senza preavvisi dalla gioia della Pasqua . Era una discepola che era stata attirata dalla Parola di Gesù , coinvolta dalle sue parole , ma  probabilmente triste per la presunta  fine di questo messaggio : ormai il suo Signore era rinchiuso in un sepolcro , sembrava che il male avesse vinto sul bene , pensava già al futuro disprezzo che le avrebbero attribuito per aver seguito quell’uomo che tutti avevano preso per matto e bestemmiatore . Immagino che è proprio con questi sentimenti che Maria va a trovare Gesù come donna in cerca del suo Dio, come pellegrina in cerca di un minimo contatto con il suo Signore  , come “cerva che anela ai corsi d’acqua” , come fedele che va per venerare e adorare Dio . Quello che trova non è secondo le aspettative , non è come lei aveva immaginato il contatto con Gesù e con lei inizia il via vai continuo che caratterizza il mattino di Pasqua , inizia la rivoluzione , inizia lo scorrere del messaggio di gioia .E’ proprio una donna che porta il messaggio , non un apostolo , non il discepolo prediletto e  neppure un fermo credente in Dio , ma una donna in cerca del suo Signore . «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!» è il grido che giunge nella sala dove erano riuniti e tale grido è portato da una donna poiché è proprio la donna che “dona alla luce” e proprio di luce che si parla quella mattina .Un ulteriore particolare che mi colpisce profondamente è che Maria di Magdala parli al plurale pur avendo Lei vissuto la scena da sola  . Maria Maddalena si sente CHIESA. Nella comunità cristiana non esiste  “IO”, ma “NOI” perché anche quando si stratta di una cosa personale , quell’evento riguarda tutta la  comunità essendo intervento di Dio nella Chiesa. Cari fratelli facciamo scorrere lungo il nostro periodo storico il messaggio della Pasqua vissuto da Maria di Magdala , non dobbiamo avere paura di testimoniare che il nostro Dio è VIVO e a lei oggi vogliamo dire :”Raccontaci Maria cosa hai visto sulla via !”

Francesco Pio Petrachi 

Per entrare meglio nel mistero :https://youtu.be/wYFzR-_QbDY

Articolo precedenteL’agnello, l’uovo, la colomba: perché a Pasqua li mangiamo?
Articolo successivoCos’ è il perdono?
Francesco Pio Petrachi nato nel 2004 a Lecce in Puglia, ha ricevuto la chiamata al Sacerdozio all’età di tre anni che avrà il suo compimento con l’entrata in seminario quando il Signore vorrà. Attualmente frequenta il Liceo Classico e collabora con il suo parroco attraverso il servizio liturgico e guidando un cenacolo di preghiera dedicato a Maria Regina della Pace. Recandosi a Medjugorie si è innamorato di Maria e gli piace pensare che è il suo sposo, da quel pellegrinaggio ha approfondito il suo percorso spirituale anche praticando il culto della Divina Misericordia e della Divina Volontà. Vive nel mondo, tra i giovani della sua età testimoniando il Risorto attraverso il sorriso e la serenità che lo caratterizzano anche nelle minime cose. Collabora con Cristiani Today curando la rubrica settimanale “In cammino con i Santi”.